Saturnali

#OcchioAlNatale: cosa succedeva in questo periodo dell’anno, quando non era ancora stata istituita la celebrazione del Natale?
Per tutto l’Impero Romano, dal 17 al 23 dicembre, si celebravano i Saturnalia, festa popolare e religiosa in onore di Saturno. L’abbondanza del raccolto veniva celebrata con sacrifici istituzionali, seguiti da abbondanti banchetti, anche orgiastici; ai servi veniva data maggiore libertà, instaurando così un clima di armonia simile a quello che si percepisce oggi nello stesso periodo di festa. Inoltre, durante i Saturnalia era anche consuetudine scambiarsi doni.
Invece in Islanda e, in generale, secondo la tradizione germanica e celtica precristiana,  si celebrava Yule nel giorno del Solstizio d’Inverno, ossia il 21 Dicembre, per oltre dodici giorni. Durante questa celebrazione si faceva uso di vischio e agrifoglio, e veniva decorato un grande albero sempreverde. Anche Yule, come i Saturnalia, prevedeva sacrifici e poi banchetti sfrenati all’insegna del consumo di alcool.
Tutte queste tradizioni oggi sono state acquisite dal Natale cristiano e sono giunte fino a noi che, infatti, non ci facciamo mancare né l’aria di festa, né le decorazioni né, soprattutto… i grandi banchetti!

Natale prima di Natale: Saturnalia e Yule