Leggi razziali del 1938 paragonate al “decreto sicurezza”: parliamone

La cultura pop è divertente, colorata, varia. Per questo è facile associarla a cartoon, musica e altre opere “per la massa”.

Ma è anche quotidiana, politica e storica.

La cultura pop nasce da noi, dalle persone che vogliono diffondere un messaggio, un punto di vista. E per farlo decidono di rivolgersi a mezzi che possano attirare l’attenzione di più gente possibile.

Ecco perché ho sentito il bisogno di scrivere un Ci penso io riflettendo con te sulla sospensione dell’insegnante Rosa Maria dell’Aria, avvenuta l’11 maggio.

L’accusa sarebbe che l’insegnante non avrebbe vigilato in modo adeguato su un lavoro svolto da alcuni studenti.
Durante un’esposizione, alcuni ragazzi avrebbero paragonato le leggi razziali del 1938 al “decreto sicurezza” emanato da Matteo Salvini, attuale Ministro dell’Interno.

Parto con il dire che non ho trovato corretta questa sospensione, e vorrei condividere i miei perché.
Quindi, parliamone: in che modo è avvenuta la sospensione?
Quali messaggi trasmette una decisione del genere? Continua a leggere “Leggi razziali del 1938 paragonate al “decreto sicurezza”: parliamone”

Chiedere di farmi pagare mi mette ansia

Ciao Quattrocchi, se leggendo il titolo hai pensato “ma sei fusa?”, la risposta è sì.
Sono fusa e piena di ansia, perché chiedere di farmi pagare mi mette agitazione.

Meglio però che ti spieghi, se no qui molli baracca e burattini. E visto che a te teniamo molto, faccio un bel respiro e mi butto. Continua a leggere “Chiedere di farmi pagare mi mette ansia”

Sofia Viscardi torna su youtube con “Canale di Venti”: questa sì che è pop culture

Divoro video su YouTube da sempre o quasi.
Mi piace tenermi aggiornata e scoprire nuovi punti di vista.

Qualche anno fa sono capitata per caso sul canale di Sofia Viscardi, adolesciente dai capelli ricci e biondi che parlava della vita in tutte le sue sfaccettature.
Ho apprezzato la sua parlantina, il suo gesticolare e il suo italiano corretto sin da subito, anche se i contenuti che offriva erano ormai lontani dalle mie esigenze.

Dal 2011 a oggi, Sofia ha ottenuto un’ottima visibilità: i follower superano i 700 mila, mica male eh?
Poi a inizio 2018 è partito un graduale arresto delle sue pubblicazioni.
Doveva uscire Succede al cinema, la trasposizione del suo primo romanzo, e dopo averci presentato i protagonisti, il canale YouTube è stato messo da parte.

Fino a qualche settimana fa, quando ho notato che ero iscritta a una canale sconosciuto: Canale di Venti, il suo nuovo progetto. Continua a leggere “Sofia Viscardi torna su youtube con “Canale di Venti”: questa sì che è pop culture”