CVO: ci vuole occhio per i contenuti

A inizio anno avevo anticipato l’uscita di un progetto: si tratta di CVO, il mio portfolio presente su Instagram (@civuoleocchio).

Avevo sottovalutato l’importanza di un portfolio, perché in realtà non credevo di essere uno di quei “profili grafici” e creativi a cui viene richiesto di mostrare in anticipo i lavori svolti.
Invece lo sono, quindi dopo tre mesi di studio e valutazione CVO è online.

Ma perché ho scelto Instagram?
E soprattutto, cosa c’entra Quattrocchi in tutto questo?

Mettiti comodo, ora te lo spiego. Continua a leggere “CVO: ci vuole occhio per i contenuti”

Geeko Editor e il contest con gli occhiali

Buondì, Quattrocchi!
Oggi ti aspetta qualcosa di molto natalizio e personale.
Frutto di una collaborazione che ci mette entusiasmo, voglia di raccontarci, e speriamo ti faccia lo stesso effetto.

Il mese scorso era dedicato alla scrittura, e se hai seguito le mie vicende sui social, saprai già della challenge a cui ho partecipato: la #GeekoWritingWeek18, indetta da Geeko Editor.
Un’esperienza che mi ha spronata a creare ambientazioni e personaggi dai punti di vista differenti.

Così, tra una chiacchiera e l’altra, Geeki e Quattrocchi hanno deciso di rendere ancora più pop questo natale con un contest!
Continua a leggere “Geeko Editor e il contest con gli occhiali”

“Minuti scritti” e “The Imaginary World of…” per esercitare l’immaginazione

Ciao Quattrocchi,
come promesso ti presento due libri per la scrittura utili per esercitare l’immaginazione.
Prima, però, permettimi una domanda: scrittori si nasce o si diventa?

Una parte di me vorrebbe dire che scrittori si nasce, così che sembri un super potere in stile X-men.
Sempre di più mi convinco che la reale risposta sia scrittori si diventa.

Il motivo è dato da una riflessione: nessuno nasce imparato.
Come per qualsiasi altra attività, per scrivere è necessario esercitarsi.
Ognuno di noi scrive un po’ tutti i giorni, pensa a quanti messaggi mandi su WhatsApp o quanti stati hai scritto su Facebook solo quest’anno.

Sono tante parole, migliaia.
E se nello scriverle avessi curato la grammatica, il contenuto nel dettaglio fino a produrre un testo comunicativo oltre che social? Se ti fossi dedicato alla lettura di romanzi per ampliare il tuo vocabolario e imparare a incanalare immagini ed emozioni?
Scrivere fa parte del nostro quotidiano, e non c’è bisogno di diventare autori per metterlo in pratica. Come non serve essere in serie A per giocare a calcio.

Ecco quindi due libri perfetti per metterti alla prova. Continua a leggere ““Minuti scritti” e “The Imaginary World of…” per esercitare l’immaginazione”