Sopravvivere al pranzo di Natale: “Creiamo cultura insieme”

Ciao Quattrocchi,

ci ho pensato molto a come avrei potuto presentarti il libro Creiamo cultura insieme di Irene Facheris.
La cultura è il tubino nero di Chanel, il prezzemolo dei tuoi piatti: in qualsiasi occasione, dona. Ma come ben sai, durante il conto alla rovescia con gli occhiali il tema principale deve essere il Natale.

Dopo anni di esposizione a film natalizi e commedie, ho capito che se i protagonisti di quelle storie avessero avuto per le mani Creiamo cultura insieme, si sarebbero risparmiati bisticci e fraintendimenti.
E a noi, forse, sarebbero arrivati meno film banali e dalle trame sempre identiche.
Poi durante la maratona di Il Filomas Redathon ho letto Un Natale in giallo della Sellerio Editore e ho capito che a Natale la serenità non è così scontata…
Continua a leggere “Sopravvivere al pranzo di Natale: “Creiamo cultura insieme””

3 letture femminili e femministe per Natale

Esattamente un mese fa ho chiesto nelle storie su Instagram quando avrei dovuto pubblicare queste recensione.
La risposta è stata Natale, quindi eccomi qua a parlare di 3 letture femminili e femministe, due delle quali fatte per la Popsugar Reading Challenge.

Tutti saggi di cui comunque non c’è da avere paura, anzi, si tratta di libri che consiglio a donne e uomini, ragazze e ragazzi.
Questo perché aprono la mente e rendono note sfumature e fatti spesso mascherati.
Ci sono aspetti della vita delle donne sui quali non ci viene immediato riflettere, nemmeno a chi è donna. E non scherzo.
Capita perché ci sembrano normali o naturali, due termini che nel tempo sono diventati sinonimo di giusto e univoco, quando non è quello il loro significato.
Il fatto che una cosa accada nella norma, non esclude che ci siano cose altrettanto possibili. E soprattutto in natura accadono entrambe.

Bene, dopo questa premessa direi che possiamo partire. Continua a leggere “3 letture femminili e femministe per Natale”

“Minuti scritti” e “The Imaginary World of…” per esercitare l’immaginazione

Ciao Quattrocchi,
come promesso ti presento due libri per la scrittura utili per esercitare l’immaginazione.
Prima, però, permettimi una domanda: scrittori si nasce o si diventa?

Una parte di me vorrebbe dire che scrittori si nasce, così che sembri un super potere in stile X-men.
Sempre di più mi convinco che la reale risposta sia scrittori si diventa.

Il motivo è dato da una riflessione: nessuno nasce imparato.
Come per qualsiasi altra attività, per scrivere è necessario esercitarsi.
Ognuno di noi scrive un po’ tutti i giorni, pensa a quanti messaggi mandi su WhatsApp o quanti stati hai scritto su Facebook solo quest’anno.

Sono tante parole, migliaia.
E se nello scriverle avessi curato la grammatica, il contenuto nel dettaglio fino a produrre un testo comunicativo oltre che social? Se ti fossi dedicato alla lettura di romanzi per ampliare il tuo vocabolario e imparare a incanalare immagini ed emozioni?
Scrivere fa parte del nostro quotidiano, e non c’è bisogno di diventare autori per metterlo in pratica. Come non serve essere in serie A per giocare a calcio.

Ecco quindi due libri perfetti per metterti alla prova. Continua a leggere ““Minuti scritti” e “The Imaginary World of…” per esercitare l’immaginazione”