Geeko Editor e il contest con gli occhiali

Buondì, Quattrocchi!
Oggi ti aspetta qualcosa di molto natalizio e personale.
Frutto di una collaborazione che ci mette entusiasmo, voglia di raccontarci, e speriamo ti faccia lo stesso effetto.

Il mese scorso era dedicato alla scrittura, e se hai seguito le mie vicende sui social, saprai già della challenge a cui ho partecipato: la #GeekoWritingWeek18, indetta da Geeko Editor.
Un’esperienza che mi ha spronata a creare ambientazioni e personaggi dai punti di vista differenti.

Così, tra una chiacchiera e l’altra, Geeki e Quattrocchi hanno deciso di rendere ancora più pop questo natale con un contest!
Continua a leggere “Geeko Editor e il contest con gli occhiali”

3 tipi di lettori per Black Mirror, memorie dal futuro

Tra qualche ora avrà inizio il fine settimana. E per chi non avesse ancora visto Black Mirror, è venuto il momento di darsi al binge watching.

Sì, anche sulle pagine di Quattrocchi si continua a parlare della famosa serie britannica.
Che con le sue puntate ci tiene ancorati allo schermo, anche se il rischio è quello di sentirsi spaesati o perfino spaventati.
E tutto questo perché in ogni singola puntata riusciamo a riconoscere parte del nostro quotidiano. Stravolto, portato all’estremo, nudo e crudo.
Eppure, nonostante la realtà che conosciamo si trovi davanti ai nostri occhi, ci sono parti che restano oscure.

Continua a leggere “3 tipi di lettori per Black Mirror, memorie dal futuro”

Black Mirror: intervista a Damiano Garofalo

E se la tv fosse solo uno specchio scuro che riflette la nostra realtà?
Ce ne parla Damiano Garofalo (Roma, 1986), assegnista di ricerca presso l’Università Cattolica di Milano e docente di storia dei media e della televisione presso le Università di Padova, Udine e La Sapienza, che da sempre si occupa del rapporto che intercorre tra i media e la società.
Nel suo saggio Black Mirror – Memorie dal Futuro (Edizioni Estemporanee, 2018) analizza una serie controversa e di grande successo.

Continua a leggere “Black Mirror: intervista a Damiano Garofalo”