“Una volta è abbastanza”: intervista all’autrice Giulia Ciarapica

Giulia Ciarapica è una scrittrice e book blogger marchigiana.
Originaria di Casette d’Ete, un piccolo borgo in provincia di Fermo, è laureata in letteratura italiana e filologia moderna.

Giulia, da un paio di anni, si occupa di recensioni libresche su Il Foglio e Il Messaggero, dove, grazie a una penna sapiente e un ricco vocabolario, trasporta ogni suo lettore in un fantastico viaggio tra le pagine dei romanzi di cui va a esplorare ogni singolo dettaglio.

Nel 2018, ha pubblicato un saggio, dal titolo Book blogger. Scrivere di libri in Rete: come, dove e perché. Mentre lo scorso 2 aprile è uscito in tutte le librerie il suo romanzo d’esordio, Una volta è abbastanza, edito da Rizzoli.

Continua a leggere ““Una volta è abbastanza”: intervista all’autrice Giulia Ciarapica”

Quando l’arte si fa nobile: intervista al Conte Giulio Maccavino

Oggi è Giovedì 16 Maggio, la giornata che la #MuseumWeek 2019 dedica all’Arcobaleno, un simbolo che non significa soltanto colore e arte, ma anche diversità e fantasia.
Temi che ho deciso di affrontare intervistando il Conte Giulio Maccavino, nobile compositore di brani musicali d’altri tempi (tra i quali mi sento in dovere di citare Sedere, mio amico fedele e La Cammellara di Budapest, consigliatissimi), che gli hanno permesso di arrivare fino alle semifinali dell’edizione 2019 di Italia’s Got Talent.

I suoi costumi di scena, i suoi modi nobiliari e il suo particolarissimo stile musicale lo rendono senza dubbio un personaggio perfetto per la #RainbowMW.

La vostra scelta artistica, definita “dance barocca”, è senza dubbio singolare. Mi dica, Conte Giulio, cosa l’ha ispirata a prendere la decisione di gettarsi nella mischia?

Il nostro obiettivo consiste nel criticare un certo tipo di arte attraverso l’arte.
Le canzoni contemporanee stanno via via mettendo da parte la musica a favore di testi semplici e accattivanti.

Il rap e la trap sono emblematici: basi monotone e ripetitive accompagnate da fiumi di parole.
Noi abbiamo ribaltato la situazione: utilizziamo armonie complesse e barocche per sfoggiare testi leggeri, ironici e apparentemente senza significato.

Continua a leggere “Quando l’arte si fa nobile: intervista al Conte Giulio Maccavino”

En Garde! Intervista a “La Spada Perfetta”

Si possono cantare ancora oggi “i cavalier, l’arme, […] le cortesie, l’audaci imprese” anche qui nel cyberspazio?
Sì, spaziando dalla pop culture agli studi storici, fino alla contemporaneità: ecco cosa accade sul blog La Spada Perfetta, di cui oggi intervistiamo l’autore.

Iniziamo con una presentazione ai lettori: chi è il volto dietro alla Spada Perfetta?

Mi chiamo Samuele Pareschi, classe 1989.
Ho una laurea in Lingue Orientali presa all’università di Bologna ma al momento mi occupo di Medievistica, frequentando il corso di laurea magistrale in Scienze Storiche e Orientalistiche, sempre a Bologna.

Come si può forse capire dalle mie scelte di studio, ho passioni che spaziano dalla storia alla letteratura, passando immancabilmente per l’ambito che potremmo sintetizzare con il termine “cultura nerd”.
Sono cresciuto tra manga e anime giapponesi, film di Fantascienza e romanzi Fantasy. Da sempre amo scrivere oltre che leggere e il mio interesse per il periodo medievale, di pari passo con quello per le spade e altre armi bianche, si è gradualmente acuito fino all’apice degli ultimi anni.

Continua a leggere “En Garde! Intervista a “La Spada Perfetta””