La Penna Nel Cassetto invia racconti via posta (#leimeritaspazio)

La fine dell’anno si avvicina e con lui la campagna di Bossy #leimeritaspazio.
Per tutto il 2018 si è parlato di donne, figure a cui ispirarsi e che non hanno avuto lo spazio che meritavano nei libri.
Il 2018 è stato un’opportunità soprattutto per chi donava spazio, perché ha permesso di conoscere donne argute, capaci, piene di idee.

Tra queste c’è anche Amalia, conosciuta online come La penna nel cassetto, che a inizio dicembre ha contattato me e altri blogger per un’iniziativa dal gusto natalizio: inviare racconti via posta. Continua a leggere “La Penna Nel Cassetto invia racconti via posta (#leimeritaspazio)”

Natale giapponese a Milano e Roma

E se ci fosse un modo per raggiungere il Giappone questo Natale?
Un modo più semplice, non troppo costoso e che non prevede per forza l’aereo?

Se hai letto i miei articoli sul Giappone, ormai lo sai, sai quanto sento la mancanza di Tokyo.
Una cosa che ho ripetuto fin troppe volte, lo so, ma ci tenevo a dirti che ho trovato un paio di soluzioni.
Per me e per te.
Ecco quindi dove andare per un Natale giapponese Made in Italy!

Little Tokyo si trova a Porta Genova (Milano)

Little Tokyo si trova a Porta Genova (Milano)

Sembra proprio che dopo China Town sia arrivato il momento di Little Tokyo.

Ancora una volta il Giappone riesce a fare breccia in Italia con il soft power, abilità che consiste nel sapere convincere, attrarre e persuadere attraverso cultura, valori e istituzioni.

Primo fra tutti il cibo, legato allo stare a tavola in compagnia.
Di ristoranti giapponesi ce ne sono sempre di più, e questo è anche dovuto al loro sapersi rapportare al portafogli: mangiare fino a saziarsi con soli 20/30 euro fa venire l’acquolina a molti.

A Milano poi si sale di livello: in via Vigevano si trova il temporary giapponese Tenoha, uno spazio di coworking, ma anche store in cui poter fare shopping o fermarsi per un caffè.

Se ci spostiamo in corso Cristoforo Colombo c’è Omacase Sushiteca.
Dalle foto sul sito posso dire che mi ricorda molto i locali giapponesi di Tokyo, e la cura nel presentare i piatti non è “da Masterchef” come si potrebbe pensare.
L’estetica, infatti, è molto importante per i giapponesi!
Per chi invece volesse provare il sake, c’è Sakeya, che riunisce “più di 150 etichette provenienti da 47 regioni giapponesi”.

Una tappa da non perdersi è anche Maido, il primo okonomiyaki street food in Italia.
Si tratta di un piatto tipico di Osaka, diventato famoso in tutto il Giappone.
Potrei paragonarlo alla frittata, ma non servirebbe descriverne anche solo un pezzettino.
Va provato: dal vedere come viene cucinato, al gustarlo appena esce dalla piastra.

E ora il ristorante che vanta solo vera cucina giapponese, qui niente imitazioni: Fukurō, che si trova in via Antonio Tolomeo Trivulzio. Ad appena 15 minuti da Porta Genova.
Il luogo perfetto per i nostalgici come me.

Mercatino giapponese a Roma

Mercatino giapponese a Roma

Da Milano si scende verso Roma, la città eterna, dove un gruppo di giapponesi ha deciso di “avvicinare la cultura nipponica a quella del loro paese di adozione”.

Il mercatino giapponese ha avuto inizio nel 2007 e in undici anni si è ampliato a tal punto da essere diventato un vero e proprio festival della cultura nipponica.

Nelle giornate dedicate al mercatino, si svolgono workshop, spettacoli dal vivo, dimostrazioni di arti marziali, degustazioni…
A pensarci bene, mi ricorda molto i momenti passati al Sensōji, il tempio antico di Asakusa, davanti al quale si trova un mercato all’aperto in cui sarei rimasta a girare per delle ore.

Tornando a Roma, anche per Natale il Mercatino giapponese regala emozioni: il 15 e il 16 dicembre si terrà The Christmas City.
Si tratta della terza edizione del “più grande Market natalizio di Roma”, realizzato in collaborazione con Vintage Market.

L’intera esposizione è al coperto, in un ex deposito ATAC di 6000 metri quadrati.
Nemmeno riesco a figurarla un’area così grande e carica di banchetti!
Che poi solo banchetti non saranno, perché si tratta di “un’esperienza a 360° sul mondo del Giappone”.

Ci saranno concerti, esibizioni, un’area dedicata alla cucina tipica e laboratori a cui potersi iscrivere.
Tutte le attività e i workshop si trovano sul sito, basta aprire il menù e cliccare l’area di proprio interesse e prenotare via mail.

Che ne pensi? Conoscevi già le tappe giapponesi a Milano e Roma?
Io le ho scoperte quest’anno e sono in fibrillazione!
Comunque, mentre corri qua e là in giro per l’Italia, il countdown natalizio pop di Quattrocchi è sempre pronto a tenerti compagnia.
Iscriviti al blog (trovi tutto nel footer) per non perderti niente, e come sempre #OcchioAlNatale!

Geeko Editor e il contest con gli occhiali

Buondì, Quattrocchi!
Oggi ti aspetta qualcosa di molto natalizio e personale.
Frutto di una collaborazione che ci mette entusiasmo, voglia di raccontarci, e speriamo ti faccia lo stesso effetto.

Il mese scorso era dedicato alla scrittura, e se hai seguito le mie vicende sui social, saprai già della challenge a cui ho partecipato: la #GeekoWritingWeek18, indetta da Geeko Editor.
Un’esperienza che mi ha spronata a creare ambientazioni e personaggi dai punti di vista differenti.

Così, tra una chiacchiera e l’altra, Geeki e Quattrocchi hanno deciso di rendere ancora più pop questo natale con un contest!

Chi è Geeko Editor?

chi è geeko editor? header sito

Prima di entrare nel vivo di questa challenge natalizia, ci tengo a presentarti Geeko Editor.
Mi sono imbattuta in questa piattaforma sui social proprio il mese scorso.
Cercavo nuovi Quattrocchi da conoscere e li ho trovati.

Geeko Editor è una casa editrice interattiva, un luogo in cui lettori e scrittori possono confrontarsi ed esprimersi.
Si tratta di un modo nuovo e coinvolgente di fare editoria, dove il parere della community fa parte del processo di selezione dei libri da pubblicare.

Ma il progetto non finisce qui.
I Geeki hanno pensato alla condivisione a 360°, perché a ogni utente viene dato spazio per pubblicare racconti e articoli su un blog personale.

Non mancano nemmeno i gruppi, che mi ricordano tanto i forum che frequentavo nei miei anni liceali. Niente a che vedere con quelli che ora si possono creare su Facebook.
I gruppi creati sui forum o sui siti sono sempre stati più intimi, personali, meno social e più sociali (cosa che ripeto sempre più spesso, me ne rendo conto).
Qui si parla di passioni, interessi e consigli narrativi.

E ora veniamo al contest.

Geeki, Quattrocchi e buoni propositi!

Geeki, Quattrocchi e buoni propositi!

Per il countdown natalizio dell’anno scorso, io e Arianna abbiamo scritto la letterina a Babbo Natale.
Una letterina di buoni propositi per l’anno nuovo, con la quale dovrò fare i conti.

E se quest’anno tutti inviassero un messaggio a Babbo Natale e all’anno nuovo?
A parole o a immagini, perché a noi, Geeki e Quattrocchi, piace vedere punti di vista diversi.

Come partecipare al contest

Come partecipare al contest

Per partecipare dovrai iscriverti al sito di Geeko Editor, leggere il regolamento e inviare la tua letterina.
Se invece partecipi con una foto, dovrai pubblicarla sul tuo profilo Instagram.

Una volta che sarà pubblicata (dal 21 dicembre), potrai condividere la tua letterina dove vorrai, inviarla per messaggio alla mamma nella speranza che ti compri quello che desideri, ma soprattutto commentare la letterina degli altri.

Quattro note molto importanti:

  • non scordarti di usare i magici hashtag: #NataleGeeko e #OcchioAlNatale. Soprattutto su Instagram;
  • la data di scadenza per il caricamento sul sito e la pubblicazione della foto sul proprio account è il 20 dicembre, così che dal 21 si possa procedere con le votazioni: va bene che Babbo Natale è veloce, ma deve riuscire a leggerle in tempo per esaudire i desideri di tutti;
  • partecipa alle votazioni: il tuo punto di vista è alla base dell’intero contest! Per votare i racconti è necessario essere iscritti al sito: diventare un Geeko ti apre le porte a tante opportunità;
  • hai letto tutto il regolamento? Perché i vincitori delle due sezioni (testo e fotografia) riceveranno anche un premio: un modo meraviglioso di concludere l’anno.


Bene Quattrocchi, che ne pensi?
Sai già cosa chiedere quest’anno a Babbo Natale?
Se la risposta è sì, vola sul sito dei Geeki o su Instagra per pubblicare e lascia qui sotto il link alla tua letterina: non vedo l’ora di viverla 😉