Vivere il medioevo a Brisighella

“Le donne, i cavalier, l’arme, gli amori, le cortesie, l’audaci imprese…” le ho viste lo scorso fine settimana a Brisighella, durante il festival di rievocazione storica “Brisighella Medievale 1413 – Terre Brisichellae et Comitatus Vallis Hamonis”.
Evento organizzato dall’Associazione Feste Medievali, con il coordinamento della rievocazione storica di I Difensori della Rocca, in collaborazione con il Comune e la Proloco di Brisighella.

medioevo

Il paese è famoso per i suoi numerosi eventi che da anni si dislocano tra il castello, il suo cortile, la Torre dell’Orologio e il cuore del borgo. Si tratta di un modo interattivo e creativo di valorizzare la storia e i luoghi di un paese dalle origini secolari, soprattutto per quanto riguarda la costituzione della contea di Brisighella e di Val D’amore. I negozi sono aperti, i ristoranti diventano osterie e offrono menù a tema, gli artigiani locali trovano uno spazio dove promuovere le loro attività e gli stessi abitanti del paese diventano figuranti che si occupano di raccontare gli antichi mestieri ai turisti.

Gli oggetti e la storia

medioevo

Durante la mattina, il cortile della rocca è stato animato dagli stand di gruppi di artigiani, che si occupavano di riprodurre ambienti e oggetti d’epoca: dall’accampamento del generale e del suo seguito, in cui era possibile vedere l’interno delle tende e l’ambiente che si costruiva attorno, al fabbro che esponeva una cotta di maglia ad anelli e permetteva ad ogni visitatore di riprodurre un anello con i mezzi, i materiali e i metodi dell’epoca.

C’era chi vendeva i propri prodotti oltre ad esporli e mi ha spiegato che tutto ciò che realizza è ricostruito in base agli studi sui testi storici e sulle illustrazioni antiche, in modo da riprodurre quanto più fedelmente i manufatti che si potevano trovare all’interno di un borgo medievale. Da qui nascono gli abiti di Sartòrial di Anna Minardi o le calzature e gli accessori di Argothea, come anche le ocarine del museo – laboratorio L’Ocarina, che porta avanti la tradizione locale di questo strumento musicale da generazioni realizzandolo con l’argilla del Parco del Delta del Po.

Il torneo

Medioevo

Uno degli eventi più interessanti a cui ho assistito è stata la IVª Edizione del Premio “Castrum Brassichella”, accompagnato dal suono dei tamburi e introdotto dagli sbandieratori. Si tratta di un vero e proprio torneo di scherma storica, eseguito con vere armature e armi autentiche, seppur non taglienti o pungenti, ma comunque costruite con i metalli e le tecniche di forgia utilizzati nel medioevo.

L’azione che ho visto, perciò, è stata tutta vera: otto compagnie di rievocazione storica provenienti da diverse province d’Italia e dalla Francia hanno messo in campo i loro migliori campioni e il torneo si è svolto nelle modalità previste da questo genere di tenzoni, ovvero cambiando armi (spada a due mani, spada e scudo, lanciotto), assegnando i punti a seconda del genere di colpi inferti (annotati a penna d’oca su pergamena) e con più arbitri che si occupavano di osservare l’azione da diverse angolazioni. I cavalieri portavano le insegne dei loro territori e avevano araldi che introducevano la loro entrata prima della battaglia, il cui compito era di esaltare la casata e il combattente che rappresentavano agli occhi del pubblico.

Al vincitore, Messer Aquila della Principesca Contea di Gorizia, è andato in premio una brocca di porcellana unica nel suo genere, creata a mano appositamente per come trofeo della gara.

Medioevo

Ciò che mi ha realmente colpito di questo festival è stato che ho potuto vivere la storia sulla mia pelle, non soltanto conoscerla e ammirarla, ma sentirmene parte.

Ho tirato con l’arco, ho mangiato “una composta de chasi et erbe odorose” bevendo “cervizia de lupolo”, ho accarezzato i rapaci della Dama delle Civette, ho visitato il castello dai sotterranei fin sopra al camminamento delle mura.

Un’operazione di valorizzazione turistica di grande efficacia e ottima riuscita, aperta al pubblico di ogni genere e adatta ad entusiasmare gli appassionati dell’argomento e non solo.
Infuriati come Orlando, innamorati come Angelica e Medoro, combatti come Bradamante, trova la tua DurlindanaMa fallo a Brisighella!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.