Quel Barone che non ti aspetti

Sappiamo tutti che, con il passare degli anni, il tempo per godersi un bel libro si riduce sempre di più.
Ma quando ero un ragazzino (oddio, quanti anni sono passati?!) questo problema non si poneva ancora.
Se a ciò aggiungiamo che ero tra i pochi a non avere in casa una Playstation ma, in compenso, vivevo vicino a una biblioteca ben fornita, va da sé che io abbia letto molti classici per ragazzi e ragazze.
Ma non tutti, ovviamente. Ho quindi deciso di approfittare della Popsugar Reading Challenge per colmare qualche imperdonabile lacuna.

Così, mi sono procurato Il Barone Rampante di Italo Calvino.
Un classico tra i classici, perfetto per una bella recensione su Quattrocchi!
Ma le cose non sono andate esattamente come avevo previsto…

Una vita rampante

Una vita rampante

La trama del romanzo di Calvino è risaputa: come gesto di protesta contro un padre autoritario, il giovane Cosimo Piovasco di Rondò si arrampica su un albero e decide che non scenderà mai più.

Cosimo mantiene la sua parola, ma non per questo trascorre una vita noiosa, anzi! Passando da una pianta all’altra riesce a vivere le avventure fantastiche che ci aspetteremmo di trovare in un libro per ragazzi.

Ogni capitolo del romanzo descrive una di queste avventure.
Fare una sinossi della trama risulta piuttosto difficile, perché gli episodi sono collegati tra di loro in maniera piuttosto blanda, salvo un paio di eccezioni.
Quando mi sono reso conto di ciò, per un attimo ho temuto di avere sbagliato libro: come potevo recensire una storia che si compone di una ventina di racconti diversi tra loro? Non era quello che avevo in mente!
Tuttavia, forse ispirato dalla cocciutaggine di Cosimo, non mi sono dato per vinto e ho finito questo classico della gioventù… Solo per rendermi conto che non è solo un libro per adolescenti!

Calvino, uno di noi

Calvino, uno di noi

Va fatta una premessa importante: Italo Calvino scrisse Il Barone Rampante all’età di trentatré anni.
Chi scrive questa recensione ne ha di meno, ma non troppi.

È un periodo della vita in cui si è detto addio alle comodità della vita scolastica e si è entrati nella vita adulta. Vuoi dalla porta dell’università, vuoi da quella del lavoro.
Ma con così poca esperienza nel proprio bagaglio personale da lasciare spesso confusi a riguardo e, ahinoi, nostalgici di quello che ci si è lasciati alle spalle.

Ma perché parlare della vita dei giovani adulti nella recensione di un libro per ragazzi?

La risposta è semplice e allo stesso tempo non scontata: Cosimo ha un tratto che lo distingue da molti dei suoi colleghi protagonisti dei classici dell’infanzia.
Cosimo cresce.
Quando si arrampica sul primo albero non è che un adolescente ribelle, ma su quei rami passa tutta la vita e, anche se questa ci viene raccontata fino alla fine, Calvino dedica la quasi totalità del romanzo al periodo di transizione tra la fanciullezza e l’età adulta del suo protagonista.

Cosimo attraversa numerose avventure, ma ognuna di queste lascia un segno sul suo carattere. La difesa dei propri concittadini, l’impegno per la politica e lo studio degli ideali dell’Illuminismo e della Rivoluzione Francese.

Per non parlare dell’amore, al quale si potrebbe dedicare una recensione a sé stante! Chiunque abbia mai patito pene d’amore proverà un’empatia agrodolce per la storia tra Cosimo e Viola.
Non si tratta di due adolescenti che si scoprono a vicenda, bensì due persone adulte, ognuna con il proprio carattere da conciliare con quello dell’altra.
Ed è proprio attraverso questo genere di esperienze che il ragazzo diventa un uomo.

Una morale rampante

Una morale rampante

Alla fine, ciò che più mi ha colpito e mi ha persuaso del fatto che non si tratti solo di un romanzo per ragazzi, è la morale che Calvino vuole raccontarci.

Cosimo sale sugli alberi come gesto di ribellione adolescenziale, ma vi rimane per una scelta consapevole: tra quei rami ha finalmente trovato la sua vita.

La ricerca di se stessi è il grande tema di Il Barone Rampante.
Cosimo non è più un bambino e, diventando adulto, sente il bisogno di sapere chi sia veramente.
Come accade a molti di noi, lo fa stravolgendo le proprie prospettive, salendo in cima agli alberi: la metafora di un’indipendenza che è il simbolo dell’età adulta.

Calvino però ci ricorda che diventare indipendenti non significa isolarsi, anzi.
Per assurdo, dal momento in cui Cosimo sale sui rami si fa più vicino che mai alle persone che vivono per terra: ascolta i loro problemi, offre aiuto e alla fine diventa una guida rispettata per la sua comunità.

Il senso di responsabilità è il vero, grande traguardo dell’età adulta.
Cosimo dedica tutta la sua vita ad aiutare gli altri e, attraverso loro, anche se stesso. Un insegnamento che di certo non troviamo nelle spericolate, ma fanciullesche, avventure di Gian Burrasca, Mowgli o Sandokan!

Il Barone Rampante è una lettura che che mi ha sorpreso come pochi libri sono riusciti a fare. E te lo consiglio.
Se lo hai già letto, prova a prenderlo nuovamente tra le mani.
Potresti scoprire che, con il passare degli anni, anche tu sei hai vissuto sugli alberi insieme a Cosimo.

9 pensieri su “Quel Barone che non ti aspetti

  1. stefaniareccia ha detto:

    La tua recensione mi ha incantato. Ho letto l’opera l’estate scorsa, in un periodo di transizione. Cosimo mi ha aiutato a salire sugli alberi e a cambiare prospettiva, mi pento di non averlo letto prima.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...