#5TipiDi colpevoli nei gialli

Cari lettori,

le lenti che ci serviranno oggi non sono da occhiali, ma d’ingrandimento. Se siete come me appassionati di detective storiesnoir thriller, sia libri e racconti che in tv, immagino che anche voi tentiate per tutto il corso della trama di doppiare l’investigatore protagonista e scoprire prima di lui chi è il responsabile del delitto.

Nei romanzi di Agatha Christie con Hercule Poirot, tutti i sospettati vengono riuniti in un’unica sala e scartati uno per uno, fino ad arrivare all’unico vero colpevole. Anche una parodia come Invito a cena con delitto funziona nello stesso modo: ognuno dei famosi detective ha uno scabroso segreto che riguarda il padrone di casa e genio dell’inganno, Lionel Twain.

Anche quando questo andamento non è presente nel romanzo, non possiamo fare a meno di formulare ipotesi, nella nostra mente, ed è per questo che ho individuato i cinque tipi di colpevoli che si possono trovare all’interno di un giallo.

1. L’ovvio

È il primo sospettato, quello che avrebbe avuto mezzi e movente o, addirittura, è stato colto sulla scena del delitto. Tuttavia, ci sono talmente tanti elementi contro di lui che, di solito, più che il vero colpevole si tratta della persona che deve essere scagionata, come accade al ragazzino imputato in La parola ai giurati.

2. Il sospetto

La categoria più ampia. Si tratta di tutti coloro che si trovavano attorno al delitto: ognuno potrebbe avere avuto un mezzo o un proprio movente, ma ancora non è chiaro chi sia stato. Con questo principio, nel film del 1985 Signori, il delitto è servito, a partire da diverse possibilità, vengono sviluppati tre finali alternativi.

3. L’odioso

Sembra colpevole. È colpevole. Si vede che è colpevole e, per buona misura, è anche antipatico… Ma non ci sono prove. È Charles Augustus Milverton di Arthur Conan Doyle. La voglia che sia “fregato” in qualche modo è tanta e tale che, a un certo punto, non importa più neanche se è con mezzi leciti o illeciti.

4. L’impossibile

È troppo innocente e improbabile perché possa essere colpevole, come la giovane Lois Jarrell nell’episodio Circuito Chiuso (1969) della serie televisiva italiana tratta dai romanzi di Rex Stout che hanno come protagonista Nero Wolfe. Non solo non sembra avere né mezzi né movente, ma neanche ha l’aria del colpevole (e, per questo, il dubbio un po’ viene…).

5. Il perfetto

È il vero colpevole, l’unico possibile e il più logico. Tutti gli indizi portano a lui, basta soltanto metterli insieme. Può appartenere a una delle categorie precedenti, ma lo realizziamo soltanto alla fine perché, se è veramente perfetto, è quello che noi lettori non avevamo capito.

 

E poiché, soprattutto in un giallo, non c’è niente di peggio di un finale sospeso (orrore!), ecco come abbiamo affrontato noi Quattrocchi i finali che non giungono mai.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...