#5tipidi romanzi da spiaggia!

Buona domenica quattrocchi!

Ora che si avvicina l’estate la voglia di mare si accompagna alla voglia di romanzi da spiaggia.
È una ricerca meticolosa, che di solito coinvolge il mercatino di paese, dove posso spulciare le lunghe file di libri in cerca della storia giusta da leggere sotto l’ombrellone o sotto al sole. Da un po’ di tempo rivolgo la mia attenzione anche ai principali marketplace (Amazon è uno di questi), quindi chi di voi ha deciso di alleggerire la valigia portandosi un reader può stare tranquillo: i libri che consiglio li trovate anche in formato ebook!

corpialsole

♦◊♦  Il primo tipo è il romanzo giallo: che estate sarebbe senza un caso da risolvere?Rispetto ad altri generi, nel romanzo giallo apprezzo moltissimo l’ambientazione “abbinata” al periodo di lettura, quindi spesso cerco dei gialli che parlino dell’estate.
Il libro ideale? Corpi al sole di Agatha Christie!
Poirot è in vacanza su un’isola, ma ben presto il lavoro lo chiama: Arlena Marshall, famosa e chiacchierata attrice, viene uccisa mentre era intenta a prendere il sole… impossibile non sentirsi coinvolti!

 

ceceliaahern♦◊♦ Proseguiamo con il secondo tipo: il romanzo rosa. Le cotte estive, le avventure, i baci dati al tramonto… Un po’ di frivolezza non fa certo male, anzi, sono quel genere di romanzo capaci di farti rilassare, coccolando il tuo lato più tenero. Il problema dei romanzi rosa è che a volte risultano banali, la trama alla fine è quasi sciocca e quindi niente, si finisce per giocare a carte o racchettoni (che non è per forza un male, eh).
Quindi vi offro un’alternativa, una più fresca dell’altra: L’amore non è il mio forte di Sarah Pekkanen, e Cose che avrei preferito non dire di Cecelia Ahern.
La vita di entrambe le protagoniste cambia rotta improvvisamente. Era tutto meraviglioso, la carriera gli amici l’amore, poi qualcosa fa crollare i ponti su cui si trovavano e ricominciare non è una delle cose più semplici.

 

41vrxnoid4l-_sx321_bo1204203200_♦◊♦ Certo le risate non possono mancare, quindi con il terzo tipo si va dritti al romanzo umoristico. Uno dei generi più difficili da scrivere: suscitare la risata partendo dalla parola scritta non è così facile, è un compito arduo, soprattutto se chi scrive riesce a evitare la risata facile da “sconcerie e parolacce”.
Un romanzo che mi davvero fatto ridere a crepapelle, senza sosta e facendomi apprezzare tantissimo i personaggi nella loro interessa è Atletico minaccia football club di Marco Marsullo.
Un esordio veramente strepitoso che parla di calcio in un modo che non mi sarei mai aspettata: Vanni Coscione, il protagonista, vede nel calcio la sua unica fede e José Mourinho è il suo dio. Una commedia che vede coinvolti calciatori improbabili e gli stereotipi che prendono il largo, dando vita a personaggi dalla forte personalità.

 

cuore1♦◊♦ Il mare ci fa tornare un po’ bambini, riscoprendo la gioia di gettarsi tra le onde alte, di fare una gara a biglie o di costruire un castello con tanto di fossato. Il quarto tipo è il romanzo per ragazzi, che come nessun altro tipo è capace di presentare l’avventura e la scoperta.
Uno dei miei romanzi preferiti, che parla pure di estate, è Ascolta il mio cuore di Bianca Pitzorno: una storia che unisce realtà e fantasia, come dice la stessa autrice, e che ci mostra l’infanzia degli anni Quaranta-Cinquanta attraverso gli occhi e le orecchie di tre favolose eroine, Elisa Rosalba e Prisca, padrona di una tartaruga e fantasiosa scrittrice.

 

silenzioinemilia♦◊♦ E siamo giunti all’ultimo tipo che non è veramente un romanzo, bensì la raccolta di racconti. Niente interruzioni di trama, si può decidere da dove iniziare e dove finire, conoscendo personaggi sempre nuovi.
Due le raccolte che consiglio: Silenzio in Emilia di Daniele Benati e Cari mostri di Stefano Benni, due autori italiani che apprezzo moltissimo.
Nella raccolta di Benati i protagonisti delle storie, tutte ambientate in Emilia ovviamente, sono fantasmi che continuano a tornare nei luoghi che prima abitava, senza però capire di essere effettivamente morto. Un po’ più creepy,  grotteschi, sono invece i racconti di Benni, che mostrano il lato oscuro e sfrontato delle persone, delle nostre credenze e della storia.

 

Questi erano i miei #5tipidi romanzi da spiaggia, i vostri quali sono?

 


Consigliaci i prossimi #5tipidi usando l’hashtag su facebook, twitter e instagram! O commentando qui sotto ^^

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...